Menu
Conti corrente. Primo calcolatore gratuito online per la determinazione del teg trimestrale

Conti corrente. Primo calcolatore g…

Inserite i numeri debito...

Mutui. Primo calcolatore gratuito online per l’esame dei contratti a rimborso rateale

Mutui. Primo calcolatore gratuito o…

Potete calcolare sia la ...

Danno aziendale. Prima nostra vittoria in Italia

Danno aziendale. Prima nostra vitto…

Il Tribunale di Pescara ...

Nullità nei mutui. Nostra vittoria a milano

Nullità nei mutui. Nostra vittoria …

Prima conferma della nos...

Prev Next
Italian English French German Portuguese Spanish

La manipolazione dell'Euribor e Le multe della Commissione UE


12608713-stock-exchange-marketLa Commissione ha sanzionato otto istituti finanziari internazionali per un ammontare totale pari a € 1,71 miliardi per aver partecipato ad un’intesa nei mercati finanziari dei derivati relativi allo Spazio Economico Europeo. Quattro degli istituti coinvolti hanno partecipato ad un cartello avente ad oggetto la fissazione di tassi in euro, mentre altri sei hanno aderito ad intese bilaterali relative alla fissazione di tassi in yen giapponese. Entrambe le decisioni sono state adottate nell’ambito della settlement procedure, e – in forza della loro partecipazione – le ammende alle banche sono state ridotte del 10% (si veda MEMO/13/1090).

Il Commissario Almunia ha commentato che “ciò che è scioccante degli scandali LIBOR ed EURIBOR non è solo la manipolazione dei parametri di riferimento, ma anche la collusione tra banche che dovrebbero essere in competizione tra loro. L’odierna decisione manda un chiaro messaggio: la Commissione è determinata a combattere e sanzionare i cartelli in ambito finanziario. Una sana concorrenza, aggiunta alla trasparenza, è fondamentale al fine del corretto funzionamento dei mercati”.

I derivati sono prodotti finanziari (ad es. forward rate agreements, swaps, futures, opzioni) utilizzati dalle banche per gestire il rischio derivante da fluttuazioni nei tassi di interesse. Derivano il loro valore da tassi di riferimento come LIBOR – utilizzato per diverse valute tra le quali anche lo yen giapponese – o EURIBOR, per l’euro.

L’intesa in ambito di derivati finanziari espressi in Euro (EIRD)

Il cartello in ambito EIRD ha operato tra settembre 2005 e maggio 2008. Coinvolte erano Barclays, Deutsche Bank, RBS e Société Générale. Tramite lo scambio di informazioni, l’intesa mirava a distorcere e manipolare il procedimento di fissazione del prezzo di specifici componenti dei derivati in relazione al tasso di riferimento EURIBOR. L’indagine della Commissione era iniziata in ottobre 2011 ed il procedimento era stato avviato nel marzo 2013.

Mentre Barclays ha beneficiato di immunità totale dalla multa per aver rivelato l’esistenza dell’intesa anti-concorrenziale ed aver collaborato con la Commissione, Deutsche Bank, RBS and Société Générale hanno ricevuto una riduzione della multa per il loro atteggiamento collaborativo e per aver partecipato alla settlement procedure. L’investigazione è tuttora in corso per Crédit Agricole, HSBC e JPMorgan.

L’intesa in ambito di derivati finanziari espressi in Yen (YIRD)

In ambito YIRD, la Commissione ha scoperto sette diverse infrazioni bilaterali di durata variabile da uno a dieci mesi tra gli anni 2007 e 2010. Anche in questo caso l’accordo prevedeva lo scambio di informazioni sensibili tra traders. Coinvolte erano UBS, RBS, Deutsche Bank, Citigroup e JPMorgan, ed il broker RP Martin, per aver agevolato le banche nelle loro condotte. La Commissione aveva avviato il procedimento nel febbraio 2013.

Sia UBS che Citigroup hanno beneficiato di piena immunità dalla multa, la prima per aver rivelato l’esistenza dell’intesa anti-concorrenziale, la seconda in relazione alla sua partecipazione ad un accordo bilaterale. Per il loro atteggiamento cooperativo, la Commissione ha concesso una riduzione delle ammende a Citigroup, Deutsche Bank, RBS e RP Martin. Gli istituti bancari hanno beneficiato di un’ulteriore riduzione del 10% per aver aderito alla settlement procedure. L’investigazione è tuttora in corso per il cash broker ICAP.

Le sanzioni

Le sanzioni sono state disposte sulla base del Commission’s 2006 Guidelines on fines (vedi IP/06/857 e MEMO/06/256).

L’ammontare delle sanzioni è stato calcolato dalla Commissione sulla base del valore delle vendite operate dalle banche dei prodotti coinvolti all’interno della SEE, della gravità delle infrazioni commesse, dell’ambito geografico e della durata.

Il cartello EIRD

Le sanzioni imposte per il cartello EIRD sono pertanto le seguenti:

Partecipante

Durata della partecipazione

Riduzione Programma di Clemenza  (%)

Sanzione (€)

Barclays

32 mesi

100%

0

Deutsche Bank

32 mesi

30%

465 861 000

Société Générale

26 mesi

5%

445 884 000

RBS

8 mesi

50%

131 004 000

Barclays ha beneficiato dell’immunità totale per aver rivelato l’esistenza del cartello e ha, di conseguenza, evitato una sanzione ammontante a circa € 690 milioni per la sua partecipazione all’illecita intesa.

I cartelli YIRD

UBS, RBS, Deutsche Bank, JPMorgan, Citigroup and RP Martin sono state coinvolte in una o più delle contestate violazioni della normativa europea di concorrenza.

Le sanzioni imposte al cartello YIRD sono quindi le seguenti:

Partecipante

Durata della partecipazione per violazione

Riduzione Programma di Clemenza  (%)

Sanzione (€)

UBS (5 violazioni)

1 mese, 8 mesi, 5 mesi, 10 mesi, 1 mese

100% per tutte le violazioni

0

RBS (3 violazioni)

8 mesi, 5 mesi, 3 mesi

25% per una violazione

260 056 000

Deutsche Bank (2 violazioni)

10 mesi, 2 mesi

35%, 30%

259 499 000

JPMorgan (1 violazione)

1 mese

 

79 897 000

Citigroup (3 violazioni)

1 mese, 2 mesi, 3 mesi

35%, 100%, 40%

70 020 000

RP Martin (1 violazione)

1 mese

25%

247 000

UBS ha beneficiato dell’immunità totale per aver rivelato l’esistenza del cartello e ha, di conseguenza, evitato una sanzione ammontante a circa € 2.5 miliardi per la sua partecipazione a cinque delle sette intese illecite.

Citigroup ha beneficiato dell’immunità totale per una delle violazioni contestate, evitando così una sanzione di circa € 55 milioni.

Breve disamina dei prodotti finanziari coinvolti

I derivati ​​sono contratti negoziati sui mercati finanziari che operano come un meccanismo di assicurazione contro le fluttuazioni dei prezzi a beneficio delle imprese, per la copertura del rischio finanziario. Essi servono a ridurre la volatilità dei flussi di cassa delle imprese, aumentando la produttività del capitale delle medesime e rendendole così più affidabili per gli investitori. Negli ultimi anni i derivati si sono diffusi in maniera capillare nel sistema finanziario internazionale e sono divenuti uno strumento indispensabile per la gestione del rischio e di investimento.

I derivati ​​ sui tassi di interesse di base più diffusi sono: ‘forward rate agreement’; ‘interest rate swap’; opzioni sui tassi di interesse e futures su tassi di interesse. I derivati ​​sui tassi di interesse possono essere negoziati ‘over the counter’ ( OTC ) o, nel caso di futures su tassi di interesse, possono risultare in titoli ‘exchange traded’. Il loro valore è dato da un tasso di interesse di riferimento.

I prodotti interessati dal cartello EIRD sono euro-derivati collegati al tasso di interesse indicizzato all’Euribor e/o all’indice “Euro Over-Night Index Average” ( EONIA ). I prodotti interessati dai cartelli in commento sono i derivati ​​su tassi di interesse dello Yen giapponese collegati alla JPY LIBOR (e nel caso di violazione anche allo Euroyen TIBOR) .

EURIBOR , JPY LIBOR e Euroyen TIBOR sono i tassi di interesse di riferimento destinati a riflettere, rispettivamente, il costo dei prestiti interbancari in Euro o Yen. Questi benchmark sono ampiamente utilizzati nei mercati monetari internazionali e sono basati sui valori comunicati quotidianamente ai relativi responsabili per il calcolo.

Il 18 settembre 2013, la Commissione ha proposto un Regolamento sugli indici utilizzati come benchmark per strumenti finanziari come il LIBOR o EURIBOR (vedi IP13/841) . Le misure previste mirano a ripristinare la fiducia nell’integrità e veridicità dei parametri di riferimento a seguito degli scandali che hanno coinvolto LIBOR ed EURIBOR.

Le procedure di transazione

Quelle qui esposte sono le prime due decisioni relative ai cartelli nel settore finanziario dall’inizio della crisi nel 2008. L’applicazione delle norme antitrust è una priorità assoluta per la Commissione in particolare nel settore finanziario. Le decisioni relative ai cartelli EIRD e YIRD indicano quindi alle banche quei comportamenti ritenuti lesivi delle regole comunitarie di concorrenza.

Le decisioni relative al comunicato in commento sono l’ottava e la nona decisione dopo l’introduzione della procedura di transazione per i cartelli nel giugno 2008 (cfr. IP/08/1056 e MEMO/08/458 ). Si tratta di una delle più rapide procedure di transazione decise dalla Commissione, che mostra tutte le potenzialità offerte dalla procedura in questione. La procedura di transazione si basa sul Regolamento n. 1/2003 e consente alla Commissione di applicare una procedura semplificata e quindi di ridurre la durata delle indagini. Ciò comporta un chiaro vantaggio per i consumatori e per i contribuenti, in quanto vengono ridotti i costi di istruzione della causa e si consente di liberare risorse a favore di altri casi sospetti, avvantaggiando al contempo le stesse aziende sottoposte a procedura, che possono beneficiare di decisioni più rapide e di una riduzione del 10 % delle sanzioni.

Troverete il comunicato ufficiale cliccando su questo link.

Fonte: Commissione europea

 

Ultima modifica ilMercoledì, 09 Aprile 2014 14:16

Lascia un commento

Torna in alto

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Informazioni sui cookie

I siti Web si avvalgono di tecniche utili e intelligenti per aumentare la semplicità di utilizzo e rendere i siti più interessanti per ogni visitatore. Una delle tecniche più conosciute prevede il ricorso ai cookie. I cookie possono essere utilizzati dai proprietari di siti Web o da terze parti, ad esempio inserzionisti pubblicitari, che comunicano attraverso il sito Web visitato.

I cookie sono piccoli file di testo che il sito Web memorizza nei computer degli utenti. Le informazioni contenute nei cookie possono essere utilizzate anche per tenere traccia dell'esplorazione effettuata in diversi siti Web che si avvalgono dello stesso cookie.

I cookie sono classificati in base alla durata e al sito che li ha impostati.

Riteniamo che sia essenziale fornire agli utenti informazioni sui cookie di cui il nostro sito Web si avvale e sugli scopi per cui vengono utilizzati. L'obiettivo è triplice: garantire la vostra privacy, assicurare la semplicità di utilizzo e ottimizzare lo sviluppo dei nostri siti Web. La spiegazione riportata di seguito illustra più dettagliatamente i cookie utilizzati nei nostri siti Web e i relativi scopi.

Utilizzo dei cookie da parte di GianniColangelo

GianniColangelo utilizza i cookie per raccogliere dati statistici sui visitatori e per registrare informazioni sulle vostre preferenze durante l'esplorazione dei siti Web. Il nostro scopo nell'utilizzo dei cookie è migliorare l'esperienza offerta dal nostro sito ai visitatori.

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito GianniColangelo che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, GianniColangelo non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.